Inculata (con dolore) per la prima volta

banner 899 erotico

ragazza a pecora inculata da un cazzo duroEro fidanzata con Matteo quando persi la mia verginità anale, ricordo ancora che era il giorno del suo compleanno e per fargli un regalino decisi di accontentarlo e dargli il mio culo per la prima volta e mentre una telecamera ci riprendeva.

Quel giorno andammo in un bed and breakfast con mini appartamenti e prendemmo quello un po piu isolato. Per l’occasione indossavo un vestitino sexy, autoreggenti e stivali neri.

Appena entrati Matteo, che non stava più nella pelle, iniziò a fissare la telecamera. Io dopo aver fatto un giretto per vedere l’appartamento mi misi davanti a lui ed iniziai a spogliarmi.

Mi sfilai il vestito e rimasi solo con gli autoreggenti, lui nel frattempo aveva finito di sistemare la telecamera e si era accomodato su una sedia. Mi avvinai a lui ed iniziai a baciarlo e tastare il suo cazzo dai pantaloni. Lui iniziò a farmi un ditalino e la mia fica già era un lago.

Ad un tratto si alzò e capii che era giunto il momento tanto atteso. Mi girò a pecora ed cosparse il mio buco del culo con della vasellina e mi spiegò che era necessaria soprattutto a me, per farmi inculare senza dolore, o quasi. Iniziò a poco a poco a penetrarmi con un dito, io non avevo mai infilato niente nel mio ano e quindi era un’esperienza per me del tutto nuova ma, devo dire che ero molto spaventata.

Provavo sensazioni strane e contrastanti tra loro. Ad un certo punto prese in mano un vibratore e me lo infilò dentro…mi faceva un po male ma, ero talmente eccitata che allo stesso tempo devo dire che mi piaceva.

Terminate le prove generali decise che era arrivato il momento di penetrarmi l’ano con il suo cazzo e me lo infilò tutto dentro. Il suo uccello era decisamente piu largo del vibratore e del dito che poco prima mi aveva infilato nel culo. Iniziai ad urlare dal dolore ma, lui senza alcuna remora continuò ad infilarlo dentro e fuori dal mio ano dolorante.

Sapevo che non si sarebbe fermato quindi per cercare di placare il dolore iniziai a stimolarmi il clitoride con le dita. Da quel momento andai totalmente il tilt e lui mi dovette tappare la bocca perché tra il dolore che stavo provando per avere un cazzo infilato per la prima volta nel culo ed allo stesso tempo il piacere che stavo provando masturbandomi il clitoride forse, senza accorgermene, alzai troppo il tono della mia voce o per meglio dire delle mie urla, fino al punto che lui ebbe paura che qualcuno potesse sentirle.

Le sue mani erano aggrappate con forza ai miei fianchi e con esse si aiutava a spingermi avanti ed indietro per penetrarmi il più possibile. Sentivo il suo cazzo arrivarmi quasi fino allo stomaco ed il culo mi faceva veramente molto male. Nonostante il dolore ero eccitatissima e venni tre o quattro volte.

Ad un tratto capii che stava per venire perché iniziò ad ansimare senza tregua ed infatti poco dopo  sentii il suo cazzo esplodere dentro di me. Inondò il mio culo di sborra ed i suoi colpi di anca di fermarono lentamente.

Mi girai verso di lui ed esausti ci baciammo mentre la spia della telecamera ancora lampeggiava segnalando che stava ancora riprendendo.

Ancora oggi mi capita di rivedere di tanto in tanto quel filmino e provare una strana sensazione di eccitazione e godimento.