Quella volta che mia moglie venne penetrata da 7 uomini

banner 899 erotico

Che il sesso sia una cosa bellissima l’avevo scoperto quando ero ancora giovane. Che sia una cosa trasgressiva, invece, l’ho scoperto grazie a mia moglie (e, in effetti, non posso fare a meno di ringraziarla). Non lo sapete, ma sono sempre stato anche un tizio abbastanza riservato su tutto ciò che riguarda il sesso. L’ho vista sempre come una specie di attività tradizionale: sesso normale per delle persone abbastanza normali.

Mia moglie, come potete ben capire, non l’hai pensata alla stessa maniera. Tutt’altro: si è spesso dimostrata anche abbastanza contraria a questo tipo d’idea. Ha sempre voluto trasgredire, provare qualcos’altro. “Andare oltre” – per come diceva lei stessa. Cosa significa? A quel tempo non lo capivo proprio. Alla fine dei conti il sesso era semplice sesso.

Beh, Marina però non era una di quelle che voleva demordere e capendo che difficilmente avrei fatto il primo passo in quell’universo così diverso e insolito fu lei stessa a prendere l’intera questione nel suo pugno. E io non ne sapevo niente: per me fu una specie di sorpresa. Per lei? Guardando tutta quella storia dalla mia età di oggi, penso che fosse qualcosa simile a una vendetta (altrimenti non me lo spiego).

In ogni caso, sapete come accadde? Fu abbastanza strano: un giorno tornai a casa e la porta era aperta. Sembrava proprio strano perché Monica chiedeva sempre la portava a chiave se tornava prima lei dal lavoro. Tuttavia, non sospettai niente finché non raggiunsi la stanza da letto. Sentivo delle voci provenire dalla stessa ed erano voci maschili.
– Monica? – chiesi subito entrando in quella stanza. La vidi letteralmente circondata da un gruppo di ragazzi di colore (erano tipo 7), tutti nell’intimo.
– Che cazzo succede? – chiesi.
– Rilassati, – mi rispose mia moglie. – Siediti un attimo che ti spiego tutto.
Così, quando mi sedetti sulla sedia lei mi spiegò tutto quello. In pratica non era soddisfatta del nostro rapporto: non era abbastanza spinto e voleva qualcosa di nuovo. Così aveva postato un annuncio cercando ben 7 uomini che fossero disposti a soddisfarla e, ovviamente, li trovò (erano proprio in quella stanza). Al che immaginatevi al mio posto: non è che potevo fare chissà cosa e non avevo decisamente il coraggio per divorziare da lei seduta stante. Insomma, non ero quel tipo di uomo che alla vista di quella cosa se ne sarebbe andato sbattendo la porta. E forse non sapevo nemmeno come agire in modo appropriato.

Per questo come andò a finire? Beh, semplicemente mi misi abbastanza comodo per godermi quello spettacolo (ed eccitarmi pure), come se stessi guardando un video porno di gangbang su Gangbang Craze. Potresti pensare che io non amassi mia moglie, sennò mi sarei sentito geloso. Beh, forse anche sì, ma non la amavo abbastanza. Per questo ciò che feci fu godermela, nel vero senso della parola. Avevo amato quel momento anche io.

Devo dire che i ragazzi sapevo l’affare loro più di me. L’avevo penetrata veramente in ogni foro (fra poco ci mancavano pure le orecchie): lei godeva a loro piaceva, io ero li seduto a pensare come fare per soddisfare la mia moglie la prossima volta. Inoltre, mi ricordo abbastanza bene che quei ragazzi le vennero praticamente dappertutto, una roba incredibile. Era piena del loro sperma e le piaceva pure. Capelli, vagina, culo, ma anche in bocca sul visto. Insomma, forse era quello che considerava come “trasgressivo”, ma non è che potevo fare come tutti quegli uomini insieme. E poi come rapporto durò anche abbastanza a lungo: riuscivano a resistere abbastanza bene, penso.

E alla fine dei conti, quando fu piena del loro sperma, tutti e 7 smisero e se ne andarono lasciando Monica sul letto ansimante.
– Sei soddisfatta? – chiesi a quel punto sentendomi parecchio in imbarazzo da quello che avevo visto. Qualcosa dentro mi diceva di reagire da vero uomo, ma non ci riuscivo proprio.
– Sì, – disse di lei lasciandomi sulla sedia per andarsi a lavare.

Alla fine dei conti semplicemente non mi andava di vederla sempre scopata dagli altri uomini. Per questo dopo un po’ lei mi propose di divorziarci e fui felice di quella decisione.