Scopata violenta con mio cugino

banner 899 erotico

pompino-a-mio-cuginoIo e Simone siamo cresciuti insieme. Siccome siamo entrambi figli unici abbiamo instaurato u rapporto talmente forte da considerarci quasi come fratello e sorella. Fin da quando ero una ragazzina è stato sempre in prima linea per tenermi lontani i compagni di scuola che mi facevano il filo. Più di una volta le mie amiche, nel corso degli anni, mi hanno fatto presente che i suoi sono i comportamenti di un fidanzato geloso e non quelli di un semplice cugino.

Io o sempre cercato di smorzare la cosa dicendo che era una persona con un carattere molto protettivo ma, talvolta io stessa avevo la loro identica sensazione.

Il nostro rapporto iniziò a cambiare quando iniziai a frequentarmi con un certo Stefano. Simone non la prese molto bene, fin dall’inizio. Nonostante mi avesse  detto che era felice per me io avevo notato dei cambiamenti nei suoi atteggiamenti. Decisi comunque di non affrontare l’argomento e fare finta di nulla.

Una sera però, Simone venne a cena a casa mia e quella notte cambiò tutto. Eravamo a casa sua, i suoi erano partiti per il weekend e noi avevamo deciso di prendere una pozza da asporto e mangiarla insieme, come solitamente facevamo.

La serata sembrava tranquilla fino a che non mi chiese come stessero andando le cose con Stefano. Io dissi che ci stavo molto bene, che era premuroso e dolce nei miei confronti ma, lui era intenzionato a sapere altro, così mi disse esplicitamente “Stefano si è scopato mia cugina? Voglio che mi racconti ogni minimo dettaglio, se ti ha baciato le tette, se ti ha infilato il cazzo nel culo…. esigo sapere ogni cosa”.

Io gli dissi di si, avevamo fatto sesso dopo solo un mese che ci frequentavamo e che era stato tutto fantastico. Più gli parlavo e più mi rendevo conto che la sua espressione cambiava, ad u tratto abbassai lo sguardo e mi resi conto che gli si era indurito il cazzo.

Lui, che aveva seguito il mio sguardo si toccò il pacco e senza il minimo pudore si tirò giù la zip dei jeans dicendo “Succhia troia” mentre mi prese per i capelli e mi spinse la testa contro il suo uccello.

Mi intimò di prenderlo tutto in bocca e di succhiarlo e dio no potei fare a meno di assecondarlo. Mentre gli facevo il pompino lui certi istanti mi ringraziava dicendo che era perfetto il modo in cui glielo stavo succhiando, in altri momenti tornava ad essere violento ed urlava  “Stasera sarai la mia schiava ubbidiente, troia che non sei altro” ed altre frasi del genere.

Ad un tratto mi scontò, mi abbassò gli short e le mutande e mi infilò il cazzo nelle figa, senza nemmeno darmi il tempo di capire cosa stesse succedendo. La mia figa era completamente asciutta ma, con mia sorpresa mi resi ben presto conto che più mi scopava e più era bagnata, fu in quel momento che smisi di opporre resistenza.

Mio cugino mi stava scopando ed io ero eccitatissima al pensiero, tanto che allargai ancora di più le game per sentire meglio il suo cazzo. Non riuscivo a fare a meno di godere ed iniziai anche a toccarmi il clitoride, provocandomi diversi orgasmi.

Lui si rese conto che ero totalmente eccitata e questo lo fece godere così tanto che poco dopo anche lui stesso arrivò al limite. Ricordo che iniziò a muoversi ancora più velocemente dentro di me fino a riempirmi della sua calda sborra.

Sto ancora con Stefano, lui non sa niente. Io e mio cugino ogni tanto ancora lo facciamo, ci chiudiamo in casa e scopiamo fino allo stremo delle forze.