Una sauna veramente erotica

banner 899 erotico

Pompino-perfetto-ad-un-cazzone-duroCiao, mi presento! Sono Elisa, una giovane ragazza di 27 anni piena di responsabilità e di cose da fare. Sono rimasta incinta all’età di 25 anni ed ora divido la mia vita tra lavoro, casa, figlio e marito.

Luca, il mio compagno, si doveva essere reso conto che avevo proprio  bisogno di un po’ di relax e quindi per il mio compleanno mi regalò un percorso benessere.

Il giorno dell’appuntamento arrivai al centro benessere alle 18.00, come stabilito. Un posticino veramente incantevole, riservato e tranquillo. Dopo aver ricevuto il kit di cortesia e tutte le indicazioni relative al percorso benessere la ragazza dell’accoglienza mi lasciò accedere alla Spa.

Nell’area riservata al percorso benessere non c’era nessuno così, dopo essermi guarda intorno per un pò, decisi di iniziare con la sauna, spogliandomi completamente nuda.

Dopo alcuni minuti che ero dentro si aprì la porta ed entrò un bel uomo sulla40ina. Presi subito in mano l’asciugamano per coprirmi ma, mi resi subito conto che era inutile, ormai mi aveva vista e squadrata per benino.

In effetti sono ancora una bella ragazza, nonostante il parto. Ho due belle tette, un culo un po’ abbondante ma, sodo e la figa rasata, come piace a mio marito.

Mi scusai subito e gli spiegai avevo approfittato del fatto che non ci fosse nessuno nei paraggi per mettermi comoda. Mi rispose di non preoccuparmi e che anche lui preferiva stare nudo nella sauna, quindi si tolse il costume e si stese quasi vicino a me. Impossibile per me non notare il suo cazzone che piano piano si stava indurendo.

Presa dall’imbarazzo feci per alzarmi ed andarmene ma, mentre stavo uscendo il tipo mi prese per un braccio. Mi domandò che fretta avevo di uscire e mi rassicurò sul fatto che se ero a disagio si sarebbe potuto subito rivestire.

Io non riuscivo a distogliere lo sguardo dal suo enorme cazzo, anche mentre mi stava parlando. Senza dubbio il tipo se ne rese conto e fu proprio in quel momento che prese la mia mano e la poggiò sulla sua coscia, mentre con l’altra iniziò ad accarezzarmi la schiena fino a sfiorare il mio culo.

Mi fissava senza dire una parola, era bellissimo. Non sono una di quelle moglie troiette che cercano un modo per fare le corna al marito uscendo la sera sole con le amiche o pubblicando annunci per fare sesso di nascosto ma, questo tipo era veramente irresistibile.

So che sono sposata e devo dire che mio marito a letto mi soddisfa ma, i bellissimi occhi azzurri di quest’uomo mi fecero perdere il controllo della situazione. Mi sentivo una giovane troia inesperta vogliosa di possedere quel fantastico cazzo almeno per una volta.

Spostai il braccio e presi il suo cazzo in mano iniziando a segarlo. Dopo pochissimi istanti la mia figa è già completamente bagnata, un po’ per il caldo ed un po’ per l’eccitazione.

Mi guardò e mi ordinò di mettermi seduta e di allargare le gambe, eseguii senza battere ciglio. Si avvicinò alla mia figa ed iniziò a leccarmi il clitoride prima piano piano e poi sempre più veloce. Me lo succhiava mentre io stavo andando completamente su di giri.

Non riuscii a resistere a lungo e poco dopo invasi la sua bocca con i miei umori. A questo punto non vedevo l’ora di ricambiare il favore per cui lo feci sedere e mi sedetti a cavalcioni su di lui infilandomi il suo cazzo nella figa, fino infondo.

Iniziai a muovermi piano piano, con movimenti lenti, poi sempre più decisi mentre lui mi toccava e baciava le tette. Godevo nuovamente come una troia e di certo piacecva anche a lui perché ansimava come non avevo mai sentito nessuno ansimare fino a quel momento.

Ad un certo punto mi fece scendere facendomi chinare su di lui per prendergli l’uccello in bocca.

Iniziai a fargli un pompino ma, facevo quasi fatica perché non ero abituata a prendere cazzi così grossi. Iniziai a succhiarlo e leccarlo con passione, così tanta che anche lui fece fatica a resistere a lungo e sborrò di brutto, invadendo completamente la mia bocca.

Stremato dal piacere mi diede una pacca sul culo dicendo che ero stata una porcellona fantastica.

Si rivestì indossando il costume che aveva quando era entrato ed uscì dalla sauna, lasciandomi lì ad assaporare la sua fantastica sborra che ancora scendeva giù dagli angoli della mia bocca.

Non ho mai fatto parola con nessuna delle mie amiche di questa mia avventura per paura che arrivasse alle orecchie di mio marito ma, sentivo il bisogno di confidarlo a qualcuno, ecco perché ho deciso di scrivere la mia porno storia e pubblicarla in questo sito… spe